Salento: straordinaria destinazione di turismo lento

54
0

In merito ai 21 milioni e 447mila euro destinati alla provincia di Lecce, stanziati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nell’ambito dei Programmi Straordinari di Manutenzione della Rete da utilizzare per le infrastrutture viarie esistenti per le annualità dal 2018 al 2023 e licenziate nella Conferenza Stato-Città, il direttore del Parco Culturale Ecclesiale “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”, Fondazione di Partecipazione della Diocesi di Ugento – Santa Maria di Leuca, Federico Massimo Ceschin ha dichiarato:

Auspico che negli interventi da realizzare, prevalentemente di manutenzione, senza nuovo consumo di suolo, si manifesti una corale volontà di valorizzare i percorsi di mobilità dolce. L’intero Salento può diventare, anche grazie ai lavori previsti per la Ciclovia dell’Acqua, una straordinaria destinazione di ‘slow tourism’, ma è necessaria una visione panoramica e di medio periodo che consenta di mettere in sicurezza e segnalare in modo coordinato le grandi opportunità di attraversamento lento dei territori, destinando a percorsi ciclopedonali – anche ad uso promiscuo – una seppur minima parte della fitta rete di viabilità secondaria“.

Cammini di Leuca

Con il progetto Cammini di Leuca” – ha proseguito il direttore – “presentiamo alle istituzioni una importante opportunità di connessione e infrastrutturazione leggera che, oltre ad accompagnare i visitatori dagli hub aeroportuali e ferroviari fino al lembo estremo su cui risiede la Basilica Santuario De Finibus Terrae, crea i presupposti per una filiera produttiva sostenibile e capace di lavorare tutto l’anno“.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.